Alessandro Agliardi (12)

Da EFL - Società Storica Lombarda.

(1555 ca. † 1605)

Genealogia

Torna ad Agliardi

Alessandro Agliardi 12.jpg

Francesco Zucco, Ritratto di Alessandro Agliardi.


Figlio di BONIFACIO e di Angelica de’ Nicolinis

Sposò il 22 ottobre 1584 Ippolita Benaglio (de’ Benalis) (1563 / 22 -5–1633), figlia di Pietro Giorgio .

Figli: BONIFACIO (ca. 1585-90 – 1624) (da cui discende la famiglia) Sposa Isotta Secco Suardo. ALESSANDRA Monaca Benedettina CLARA sposa De ZANCHI APOLLONIA sposa Tibaldino de INDIGATIS LUCIA sposa Giacomo de BORONIBUS ANGELICA sposa Arrigo Ravass de MEDOLACO (1601*) CATERINA sposa Gerolamo BENZONI CARARA di Brescia (1608* ) EMILIA sposa Gio Maria VASELINO DE MOZZI (1601*) ANTONIA sposa Gaspare de ZOPPIS (1618*) ELENA sposa Castello BENAGLIO di Pietro OTTAVIO (II) (1593 + 24/4/1642). Cav. Jerosolemitano (1637 - 1639 ). IULIA ISABELLA sposa il 20-5-1617 (3/3/1617?*) a Francesco MARENZI (G 6/30)

Sedette nel Consiglio della città negli anni 1581-1589-1604.

Combatté per Venezia nella prima guerra di Morea contro gli Uscocchi e si era segnalato all’assedio di Signa (Senj) e di Trieste.

Nel 1584 atto di donazione con il fratello Ottavio (G/5/4).

Nel 1599 fu destinato da Alvise Priuli per commissione del Senato della Repubblica veneta quale ambasciatore “alle eccelse tre Leghe della Retia Superiore [Leghe Grigie o Grigioni] per maneggiar confederazione tra la Serenissima e quei Signori”.

1592 divisione tra fratelli (G/11/6). Permuta beni in Levate (G/1/7)

Fece testamento in data 1604 (A. A. - G Fald. 5\13 - Eredità G 6\ 27). Morì nel 1605. La moglie Ippolita fu tutrice dei figli minori nel 1605 (M/2/1) e ancora nel 1616 (A/11/4-8-9).

Il 28 maggio 1604 il fratello Giovanni nel suo testamento ha lasciato fabbricarsi in S. Alessandro in Colonna una cappella alla Beatissima Vergine con pittura …il fratello Alessandro propone…..28-5-1604 non trovasi luogo adatto se non in san Jobbe …..si delibera…. . Nel 1615 la stessa Ippolita fece apporre nella Chiesa di S. Alessandro in Colonna una lapide sepolcrale in suo onore che tuttora esiste .

Alessandro Agliardi Lapide.jpg


Gli Uscocchi da Wikipedia, l’enciclopedia libera.


BORTOLO BELOTTI, La guerra degli Uscocchi e i rapporti coll’Austria: relazioni di commissari in Storia di Bergamo e dei Bergamaschi, 3ª ed. vol. V, p. 37.


Grigioni, strada Priula, Gian Gerolamo Grumelli e Alessandro Agliardi 1592 (Sunto da SILVIO HONNEGGER, Gli Svizzeri a Bergamo, pp. 21 e 23):

Il problema del collegamento diretto con le Francia e il centro Europa, tramite i Grigioni per evitare l’accerchiamento Asburgico, ora che il Ducato di Milano era diventato spagnolo, preoccupava Venezia sin dal 1552, ma divenne più attuale dopo la visita dello Sforza Pallavicino alle fortificazioni di Bergamo nel 1578 e la presenza a Bergamo del Priuli. Nel 1589 la Serenissima inviava nei Grigioni Gian Gerolamo Grumelli che era cognato di Rodolfo de Salis per sollecitare i suoi numerosi amici grigionesi all’alleanza con Venezia, verrà poi inviato Alessandro Agliardi, che risulta parente di Orazio Piatti suddito Grigionese di Morbegno entrambi attivi a favore dell’alleanza. Alessandro si occupò anche delle migliorie alla strada Priula, che dalla val Brembana, tramite il passo S. Marco, rappresentava un collegamento diretto e alternativo a quello di Lecco.