Galimberti

Da EFL - Società Storica Lombarda.

Cognome molto diffuso in Lombardia, principalmente a Milano e Brianza. Probabilmente derivato dal nome di persona di origine longobarda “Warimbertus” (lo stemmario Trivulziano riporta lo stemma “De Warimbert”) identifica famiglie diverse.

Il cognome è attestato anche in altre regioni: in Piemonte dove si ricorda la famiglia del celebre Tancredi – Duccio (Cuneo); è di origine piemontese (Torino) la famiglia Galimberti Faussone di Germagnano. Il cognome è presente altresì in Emilia (Parma e Reggio E.) anche nella variante Garimberti. In Veneto (Padova, Venezia) è conosciuta la forma Gallimberti.

(P.M.G.)

Genealogia

Stemmi

Stemmi famiglia Galimberti

Storia

Personaggi

Personaggi che portano il cognome Galimberti:

I fratelli Giacinto (Milano 1832 - Cantù 1869) e Giuseppe Carlo (Milano 1834 - ?), figli di Napoleone Galimberti, parteciparono all’impresa dei Mille di Garibaldi. La villa di famiglia a Cantù è ora Casa di Riposo - RSA.

Ferdinando (1740-fine sec. XVIII), violinista

Francesco (1755-1803), pittore

Luigi (1836-1896), ecclesiastico

Carlo Galimberti (1894-1939), Campione olimpionico sollevamento pesi; pompiere medaglia d’argento al valor civile


Dimore

Iconografia

Dipinti e Ritratti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

Raoul Meloncelli, GALIMBERTI, Ferdinando, in Dizionario Biografico degli Italiani 51 (1998) http://www.treccani.it/enciclopedia/ferdinando-galimberti_%28Dizionario-Biografico%29/

Maria Giovanna Sarti, GALIMBERTI, Francesco, in Dizionario Biografico degli Italiani, 51 (1998) http://www.treccani.it/enciclopedia/francesco-galimberti_%28Dizionario-Biografico%29/

Maria Franca Mellano, GALIMBERTI, Luigi, in Dizionario Biografico degli Italiani 51 (1998) http://www.treccani.it/enciclopedia/luigi-galimberti_%28Dizionario-Biografico%29/

Carlo Galimberti : l’uomo, il pompiere, l’atleta, Milano, Ministero dell’Interno - Comando provinciale Vigili del fuoco, 2012

Documenti

Collezioni

Note

GALIMBERTI FAUSSONE DI GERMAGNANO

Spreti vol. III, p. 320

Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1928-32, vol. III, pp. 320-321:

Famiglia oriunda di San Pietro la Bragola (Lombardia). PIETRO GIUSEPPE (n. Crescentino, 17 maggio 1770, † Torino, 3 aprile 1865), di Carlo Giuseppe, di Carlo, sostituto avvocato dei poveri di Torino (27 dicembre 1816), congiudice nel consiglio di giustizia di Alessandria (9 nov. 1821), primo assessore nel tribunale di Torino (9 nov. 1822), prefetto (27 aprile 1825), senatore (1° febb. 1830), in occasione del matrimonio con Giuseppina figlia del conte Giuseppe Carignani di Chianoc e «per la riconosciuta antichità e notoria civiltà della famiglia» fu creato barone il 26 maggio 1831. Fu suo figlio ALBERTO che morì celibe a Parigi il 10 marzo 1891.

La famiglia è iscritta nell'El. Uff. Ital. col titolo di barone (mpr.) in persona dei disc. di Giuseppe Antonio (1831).

l. b. [Luigi Borello]

Genealogia Galimberti

ARMA: Troncato: al 1° d’oro all’aquila coronata, di nero; al 2° di rosso, al gallo d’argento, colla fascia sulla partizione, scaccata di due file d’argento e di rosso.


TANCREDI GALIMBERTI

Giuseppe Sircana, GALIMBERTI, Tancredi, in Dizionario Biografico degli Italiani 51 (1998) http://www.treccani.it/enciclopedia/tancredi-galimberti_%28Dizionario-Biografico%29/ 1906-1944