Radini Tedeschi

Da EFL - Società Storica Lombarda.
Versione del 26 ott 2020 alle 19:21 di Odecarli (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Spreti, vol. V, p. 577
Stemma dei Conti Radini Tedeschi nel palazzo Appiani d'Aragona Borromeo, in via Scalabrini, 6 a Piacenza

Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1928-32, vol. V, pp. 577-578:

Famiglia originaria della Svizzera. Il duca di Milano Giovanni Galeazzo Maria Sforza Visconti, con diploma da Vigevano del 16 marzo 1484, riconobbe l’investitura feudale dei luoghi di Borghetto e Ciavernasco già concessa dal suo genitore Galeazzo Maria nell’anno 1477 al conte DANIELE Radini Tedeschi di Piacenza ed ai suoi figli LAZZARO e GIOVANNI e loro discendenti. Il Magistrato delle R. Ducali Entrate di Milano con sentenza del 14 febbraio 1722 ordinò di iscrivere il nob. GIUSEPPE MARIA Radini Tedeschi di Piacenza nel catalogo dei titolati milanesi, perché la famiglia potesse far uso del titolo di conte, concesso dai duchi di Milano, anche in quello Stato.

DANIELE, primo investito, testò con atto del 5 novembre 1487 del not. Ricci Giangiacomo; GIOVANNI, suo figlio, testò con atto del 25 dicembre 1507 del notaio Antonio Cappelli; DANIELE, di Giovanni, testò con atto del notaio G. Antonio Grossi il 30 dicembre 1557; il di lui figlio GASPARE morì l’11 agosto 1588. Ebbe per figlio DANIELE, che testò con rogito Giovanni Araldi l’11 agosto 1615.

Da questo Daniele discendono le due linee sopravviventi di GASPARE († 1659) e di FRANCESCO († 1679).

Della famiglia si distinsero un TOMMASO (1488-1527), che entrato nell’Ordine Domenicano, maestro dei Sacri Palazzi sotto Clemente VII, lasciò eleganti poemi, dotte orazioni e commenti su Aristotile; un LAZZARO, ascritto nell’Albo dei dottori e giudici di Piacenza nel 1592, divenne auditore delle cause civili; un G. PIETRO, maggiordomo di Margherita d’Austria, moglie di Ottavio Farnese; un PIETRO († 1891), che coprì molte cariche pubbliche in patria e fu universalmente lodato per la sua competenza e rettitudine.

La famiglia è iscritta nell’El. Uff. Ital. col titolo di conte (mf.), in persona dei discendenti da Daniele (1486), ed è rappresentata da FILIPPO †, di Pietro, di Filippo.

Sorelle: Paolina e Leopolda.

CARLO †, di Prospero, di Francesco.

Figli: PROSPERO †, GIACOMO, GIUSEPPE, Anna, FELICE e Maria.

Figli di Prospero: FEDERIGO, LUIGI e PIETRO.

Figlia di Giuseppe: Barbara.

PAOLO †, di Giuseppe, di Cesare, di Francesco.

Figli: GIUSEPPE e Maria.

Sorella: Teresa †.

Figli di Lodovico, di Cesare, di Francesco: CESARE, CARLO ROBERTO, Antonia, LUIGI e RAFFAELE.

Figlia dì Carlo Roberto, di Ludovico: Giuseppina.

g. d. [Giovanni Drei]


Genealogia

Genealogia Radini Tedeschi

Stemmi

ARMA: Partito: nel 1° di rosso all’avambraccio destro vestito d’argento, uscente dal lato sinistro e sostenente un cipresso di verde nodrito su un quadrato d’argento ed accostato ai lati da quattro conchiglie dello stesso poste 2 e 2 in palo; nel 2° inquartato: nel 1° e 4° d’azzurro al vaso d’argento accompagnato in capo da una cometa dello stesso ondeggiante in palo con la punta della coda penetrante nel vaso; nel 2° e 3° di argento a due pali ondati di rosso.

Stemmi famiglia Radini Tedeschi

Storia

Personaggi

Dimore

Piacenza

Sepolture

Iconografia

Dipinti e Ritratti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

Sitografia

Documenti

Collezioni

Note