Sonetto improvvisato in occasione del ritorno del viaggio di nozze

Da EFL - Società Storica Lombarda.
Goltara 08b Luigi - Poesie 2b.jpg

La mia musa ormai atrofizzata

È ridotta infeconda e se la chiamo

Mi volge il tergo, la spietata

Riedere non vuol al mio richiamo.

M’ha rovinato de’ numeri la scïenza

Ch’è diavolo e croce colle rime.

Un brindisi vo’ far, usa indulgenza

E perdona ancor tu calcol sublime.

Vo’ brindar a color che mi dier vita…

A chi con tanto amore m’ha educato…

A chi diero natali alla mia Lita…

Ai fratelli, cognata, e m’è pur dato

Al cugino brindar, ed a me unita

Gigina implora sia benigno il Fato



Torna a Luigi Goltara Pezzoli d'Albertone