Pinali

Da EFL - Società Storica Lombarda.
Spreti, vol. V, p. 369

Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1928-32, vol. V, pp. 369-370:

Trae origine questa famiglia pordenonese dal Bergamasco, donde passò in Friuli sul cadere del secolo XV a scopo di commercio. Negli atti del notaio Giacomo Asteo a Zocco di Pordenone (Arch. not. Udine) trovasi sotto le date 1° dicembre 1515 e 23 marzo 1525 nominato un ser Petrus dictus Pinalis filius ser Cristophori de Pinale bergomensis, habitator Portusnaonis.

Non è ben certa l’epoca della aggregazione dei Pinali al Consiglio nobile di Pordenone, ma si può con sufficiente approssimazione assegnarla alla metà del secolo XVI.

Nel 1616 troviamo i fratelli GABRIELE, GERMANICO e FRANCESCO Pinali fra i gentiluomini a cavallo inviati dalla comunità a servizio della Serenissima. Nello stesso secolo un PIETRO Pinali militò al servizio dell’Impero.

Questa famiglia fu di frequente insignita delle primarie cariche che il Consiglio di Pordenone soleva distribuire fra i suoi membri nobili. Nel 1630 un GABRIELE fu giudice, nel 1645 un FRANCESCO podestà, nel 1671 un PINALE vicepodestà, ecc.

Nel nostro secolo i Pinali vantano il dottor VINCENZO, celebre medico e professore all’Università di Pordenone, n. a Pordenone il 28 marzo 1802, † il 7 dicembre 1875. Nell’esercizio della cattedra combattè in medicina le fallaci dottrine ontologiche, e in quello della professione eccelse specialmente quale diagnostico.

I Pinali non si presentarono alla conferma austriaca, e ottennero il riconoscimento italiano e l’iscrizione nell’Elenco Uff. col titolo di nobile di Pordenone.

La famiglia è rappresentata da GIO. BATTA, n. Cordenons 27 gennaio 1877, di Nicolò, di Pietro, sp. Pordenone 7 luglio 1901 con Antonia Molini, da cui: 1) Angiolina, n. Lanzo Torinese 26 giugno 1902; 2) CLEMENTE, n. ivi 27 novembre 1905; 3) Luigia, n. Sondrio 7 agosto 1910; 4) PIETRO NICOLÒ, n. ivi 28 settembre 1914 [Sondrio].

e. d. t. [Enrico Del Torso]


Genealogia

Genealogia Pinchetti Sanmarchi

Stemmi

ARMA: D’azzurro a un monte di tre cime di verde, sormontato dall’allocco al naturale, accompagnato da tre stelle d’argento male ordinate.

Stemmi famiglia Pinchetti Sanmarchi

Storia

Personaggi

Dimore

Sondrio

Sepolture

Iconografia

Dipinti e Ritratti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

Sitografia

Documenti

Collezioni

Note